Lisa Casali, Quanto Basta – L’INTERVISTA #SundayBooks

avatarsbertagna

di @Sabine Bertagna

Lisa Casali è una forza della natura. Positivamente contagiosa in tutto quello che fa. Nonostante i suoi mille progetti e le sue collaborazioni culinarie ha trovato il tempo per raccontarci la filosofia del suo ultimo libro, Quanto basta (edito da Mondadori, 19,90 euro). Un progetto che aveva avuto le sue prime radici in un esperimento documentato sui social di Lisa (indimenticabili le Instagram Stories con le quali ha filmato il momento della spesa).  Purtroppo (io ne sono un grandissimo esempio) le buone intenzioni a tavola vengono fagocitare dalla frenesia delle nostre vite e spesso anche dalla pigrizia. Ecco, questo libro è per tutti voi che desiderate mangiare meglio, sprecare di meno e risparmiare. Leggerlo vi aiuterà a fare i primi passi verso un cambiamento che presto vi conquisterà. Lisa ha deciso di realizzare un libro molto illustrato e immediato, che non è né un saggio né un vero e proprio libro di cucina. Le tavole ricordano tanti post-it utili ad appuntarci le cose da fare. Prima di leggere questo libro è necessario fare una sola cosa. Essere pronti a mettersi in gioco…

quanto basta

Come è nato l’esperimento Quanto basta  e quando questo progetto è diventato un libro?

Ho deciso di scrivere questo libro perché mi sono resa conto delle mille difficoltà che ognuno di noi sperimenta su se stesso cercando di mettere in pratica buone pratiche e consigli per mangiare meglio. Ho pensato che sperimentando un linguaggio differente più giocoso e interattivo forse sarebbe risultato più efficace di tanti saggi che spesso vengono abbandonati ancora prima di essere terminati. Quella del cibo è una sfera molto particolare e delicata che tocca tasti molto personali per cui non è semplice cambiare, nemmeno quando sappiamo che quei cambiamenti ci farebbero vivere bene e in modo sostenibile. La missione è arrivata dopo volevo dare una prova concreta che tutto quello che consigliavo, persino se portato all’estremo assoluto era percorribile e poteva dare risultati insperati come vivere bene con 10 euro a settimana. L’ho fatto per 2 mesi, alla fine ci avevo preso gusto.

Lisa 05

Chi ti segue sui social ha potuto apprezzare i tuoi video con le “missioni” speciali per fare la spesa e mangiare con 10 euro alla settimana: ci vuoi raccontare brevemente come sono state queste esperienze?

L’idea di questa missione a 10 euro è stata dimostrare che comprando l’essenziale e gestendo le scorte nel modo migliore si possono azzerare gli sprechi e risparmiare. Una delle scoperte più interessanti è stata che in buona parte di negozi e supermercati chiedendo i prodotti meno belli, quelli messi da parte perché imperfetti si può risparmiare anche il 50% sul prezzo. Insomma alla fine 10 euro a settimana non sono poi così pochi con un pizzico di organizzazione e razionalità.

Nella primissima pagina spieghi come la lettura del libro sia indirizzata solo a chi è pronto al cambiamento: come facciamo a capire se siamo pronti?

L’idea del libro è fin da subito predisporre il lettore a un’apertura e a un approccio diverso dal solito, giocoso e interattivo. Questo non è infatti né un saggio né un libro di cucina. Non ha caso ho scelto di illustrare tutto il libro, alla ricerca di un linguaggio nuovo per parlare di cibo. L’approccio al cambiamento è la prima sfida che chiedo al lettore: quella di mettersi in gioco e continuare a leggere e sperimentare.

cibo a rischio

Dimezzare l’impatto ambientale ma anche l’impatto sul portafoglio: sembrano due obiettivi non facilissimi da raggiungere. E’una cosa fattibile anche per chi ha una vita frenetica in una città come Milano? O chi come me è pigrissima è un po’ incapace ah fornelli?

Quella del tempo è la scusa più usata, per mangiare male o non fare la spesa. In realtà quello che cerco di insegnare con questo libro è che ci sono alcune piccole cose che se diventano parte del nostro quotidiano ci semplificheranno la vita e ci faranno risparmiare tempo, soldi e naturalmente risorse. Qualche esempio:

-       Riscoprire l’essenziale: verdura, frutta, cereali, legumi, semi oleosi

-       Dedicare un po’ di tempo alla lista della spesa tenendo conto di quanti siamo in famiglia e quante volte mangeremo realmente a casa

-       Sperimentare anche altri modi di fare la spesa fino a trovare quello ideale per noi

-       Pianificare il menu della settimana per usare al meglio ogni ingrediente

-       Non sottovalutare alcuni semplici piatti che ben si prestano a salvarci la cena tutte le volte che siamo a corto di idee, bastano pochi trucchi per trasformare in piatti unici insalate, zuppe usando al meglio wok, pentola a pressione, vaporiera.

Tre consigli semplici per svoltare da dare ai lettori di Chooze.it presi dal tuo libro “Quanto basta” (se ti va, visto che sei bravissima con le stories su Instagram puoi farci anche un piccolo video. Se ti va sarebbe super, ma sei occupatissima e quindi non ti voglio caricare troppo!)

  1. 1.       Quando componete il vostro menu fate in modo che almeno metà sia composto di ortaggi, già questo piccolo consiglio vi darà grandi benefici in termini di salute, risparmio e sostenibilità
  2. 2.      Non perdete mai di vista il vostro cibo, soprattutto quello negli angoli bui del frigorifero o sul fondo del freezer
  3. 3.      Quando cucinate datevi la regola di usare il 100% di ogni ingredienti e ripetevi il mantra che buccia, gambo e foglia è un piccolo tesoro da valorizzare e non sprecare.

Lisa ha pubblicato un libro su come cucinare in lavastoviglie. Chi la segue sui social avrà notato che si sta dando a nuovi esperimenti… con la lavatrice! Uscirà un libro anche su quel tema?

Cucinare in lavatrice è possibile e la tecnica è molto simile a quella di cucinare in lavastoviglie. Il contenitore ideale sono i sacchetti sottovuoto adatti alla cottura, meglio usarne due in modo da avere doppia barriera. Infine attenzione alla centrifuga soprattutto con gli ingredienti più delicati come i filetti di pesce. Al libro lavorerò non appena sarò pienamente soddisfatta di tutte le sperimentazioni che sto facendo.

nel wok piatto perfetto