Bini, Cappellini, Nendo, tutti in campo per Alcantara

marilenadi @Marilena Pitino

Ancora pochi giorni – fino al 31 maggio – per visitare Alcantara, Technology of Dreamsnata dalla collaborazione del Comune di Milano, Palazzo Reale e Alcantara.

L’eccezionale cornice delle stanze dell’Appartamento del Principe, ricca di memorie e suggestioni del passato, diviene l’occasione per dare nuova prova delle straordinarie caratteristiche di Alcantara attraverso opere site specific. Bellezza, flessibilità, tattilità, avvolgenza e trasformabilità sono alla base di installazioni, che alcuni grandi interpreti della contemporaneità – Gentucca Bini,  Giulio Cappellini, Ingo Maurer, Paola Navone, Nendo, Migliore e Servetto –  hanno saputo immaginare in una dimensione fantastica resa possibile dall’alta tecnologia.

La mostra, curata da Giulio Cappellini e Domitilla Dardi, mette in risalto la capacità degli autori di cogliere e rilanciare, assecondando la loro specificità artistica e progettuale, le performance materiche del materiale Alcantara.

Un non-luogo, dove sperimentare emozioni, assaporare atmosfere e sognare. Sapendo che quel che emerge da questo percorso sorprendente e coinvolgente, è che il bene più prezioso è l’intelligenza, che porta un progetto a offrire una visione diversa, altra, delle “cose”.

E che il “vero” sogno è la realtà di una tecnologia che lo rende possibile.

Alcantara, Technology of Dreams fa parte di Expo in città, il palinsesto di iniziative che accompagnerà la vita culturale della città durante il semestre dell’Esposizione Universale.

Il teatro del principe_Nendo

La fortezza del silenzio_Paola Navone

La tavola delle meraviglie_Giulio Cappellini

Oh Man, it's a Ray_Ingo Maurer

Sul-reale_Gentucca Bini