[7 CHILI IN 7 GIORNI]: letteratura tra le gambe

eliadi @Elia Belli

Mi perdonerete (e sono sicuro lo farete…) se oggi anziché di palestra e fitness finiremo a parlare di letteratura. Stavolta, però, non c’entra nulla lo zio del mio amico che andava in palestra per leggere; stavolta parliamo proprio di arte e letteratura e anche di donne. Non è un anticipo di 8 marzo (giuro!), ma l’idea (progetto? Opera d’arte? Operazione mediatica?) di Clayton Cubbitt che con la sua hysterical litterature ha dato una bella botta di vita sia al mondo della letteratura che a quello della lettura.

cover hysterical

L’idea è semplice: 9 donne leggono per un breve periodo di tempo dieci pezzi di libri famosi, sedute su una sedia e appoggiate a un banco. Alcune hanno il libro fisico, altre un tablet o un lettore ebook. Sono vestite in modo assolutamente normale e la regia è semplice e asciutta. Le immagini sono in bianco e nero. Quale è la novità dell’operazione e perché ha raggiunto il numero record di oltre 20 milioni di visualizzazioni? Semplice! Le donne hanno un vibratore tra le gambe. Non è be chiaro se ci sia proprio un individuo che aggeggia lì sotto: in alcuni video parrebbe di sì perché una lettrice a fine video si scusa con qualcuno in basso per avergli tirato un calcio. Eh già… perché i calci è facili tirarli mentre sei concentrata a leggere con un vibratore in funzione nel posto giusto che fa il suo dovere e tu sei borderline tra un’operazione scenica di lettura artistica e la capacità fisica e mentale di trattenere un orgasmo. Che, poi, nei video arriva. Vero o finto che sia.

hysterical portale

L’esperimento nasce per esplorare la femminilità, il dualismo mente/corpo, le espressioni facciali e il contrasto tra cultura e sessualità. I video sono lì, tutti da vedere. Lanciato nell’agosto 2012, in pochissimo tempo ha raggiunto milioni di utenti diventando un fenomeno mondiale.  Nel sito del progetto sono indicati i libri letti e i “tool” (gli strumenti) utilizzati durante le sessioni registrate. Una piccola postilla, forse unico neo della vicenda che sradica dalla normalità del quotidiano l’idea: le lettrici sono porno attrici professioniste. Credo sapremo perdonarglielo!

qui il sito del progetto: http://hystericalliterature.com
qui il sito del tizio che l’ha fatto: http://claytoncubitt.com