[MARIANNA TUTTA PANNA]: la mia wishlist di Natale

carosello marianna.001 (1)di Marianna Malacaria

A Natale puoi, dicevano. Ma puoi cosa? Amare? Essere generoso? O forse addirittura osare? A me piace vederla anche in questo senso. Ma si! Esageriamo.

Caro Babbo Natale,

So che c’è crisi, ma sono stata tanto buona quest’anno e mi merito un po’ di sana felicità. Che poi uno la felicità la vede sempre a modo suo. E lo sai che io sono stata sempre diversa dagli altri. A 9 anni non volevo una Barbie, volevo lo scettro di Sailor Moon, a 12 poi, ho iniziato a chiederti il primo completino di Intimissimi e a 18 pregavo che la sera del veglione di Capodanno i miei prenotassero una stanza a parte, solo per me. Ormai ti sei abituato, dì la verità! In ogni caso, quest’anno, nel mulino che vorrei, ci sarebbero:

dita-reggicalze

IL REGALO VINTAGE

E’ tornato ad essere il must have per eccellenza. Ha fatto innamorare milioni di uomini. Ha fatto nascere fin troppi bambini. Renderebbe sensuale anche Marina Ripa di Meana. Il reggicalze. Sexy, pizzettoso, avvolgente. Io ve lo propongo nella versione vintage pin-up. Pensateci! È l’unico indumento che non vi verrà mai strappato di dosso. Potete spendere anche qualcosina in più. Date un’occhiata al Victorian.

 

o-DILDOMAKER-facebook

IL REGALO ARTIGI(ANALE)

Il Dildomaker.

Non è uno Smartphone. Né un IPad. Non voglio la PS4, né l’ XBox. Non voglio giocare a GTAV e Fifa 14, anche se ha i tifosi che si muovono, non mi ha mai entusiasmato. Io voglio il Dildomaker. Ragazzi questa è innovazione pura. In tempo di crisi il TOP della gamma. L’idea è di Francesco Morackini e ce n’è davvero per tutti i gusti. Guardate il sito. Funziona senza elettricità. È ecologico. È una sorta di temperamatite. Per dildo fatti in casa. Non aggiungo altro.

 

James-Deen-Header

L’AMORE VERO

Bryan Matthew Sevilla

7 febbraio 1986, Los Angeles.

Questo è un appello accorato. Mia buona stellina se sei lassù e mi guardi, abbi pietà di me! La colpa è stata di Bret Easton Ellis e del suo maledetto film a Venezia “The Canyons”. Ora, che il film sia uno dei più brutti mai girati non discuto ma, io mi sono innamorata. Regalami lui, Bryan Matthew Sevilla, meglio conosciuto come James Deen (con due “e”, non Dean!), anche vestito, anche senza un braccio. La mia vita non ha più un senso se non so, per certezza, che mai lo incontrerò. Per intenderci: i suoi sono gli unici film che riesco a guardare fino alla fine. A voi? Consiglio di fermarvi alla sua foto. Non andate a cercare i suoi video. Pensate che sicuramente c’è molto di meglio nell’industria del porno. E’ troppo magro. Ha la faccia troppo piccola e i capelli troppo ricci. Lo dico per voi. E anche un po’ per me.

Nella speranza che la mia buona stella mi abbia ascoltato, vi Auguro un Natale pieno di felicità, a modo mio.