CI VEDIAMO IN POLINESIA, SI, A BUDELLI

zaramelladi Luca Zaramella

“In tempi come questi, la fuga è l’unico mezzo che rimane per mantenersi  vivi e continuare a sognare” (Henri Laborit)… e allora ecco 4 buoni motivi per fuggire a Budelli. Sono partito un giorno d’estate, con me uno zaino e il mio cane, proprio come 23 anni fa sul suo catamarano, fece Mauro Morandi che si lasciò alle spalle una vita sicura da insegnante per un futuro incerto da navigatore.

Budelli_Spiaggia_RosaDa allora è sempre rimasto lì. Arriviamo, io e il mio cane, verso sera con un gommone che dalla Maddalena ci  da un passaggio per Budelli. Appena tocchiamo terra dopo un’oretta di navigazione tolgo il guinzaglio “al Tommi”, che è sempre il mio cane e lui si mette a correre e a saltare come non aveva mai fatto prima. Qui non ci sono auto né moto, non ci sono case o grattaceli, non ci sono strade ne vie, non c’è ansia ne stress quotidiano però c’è la spiaggia rosa, rispettala!

376342_10150967523875047_275110538_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1) Il primo motivo per andare a visitare Budelli è, nel mio caso, per lavoro,tra l’altro per la realizzazione di questo servizio sono stato costretto a fermarmi in quel “postaccio”per ben 10 giorni. Ma nel vostro caso potrebbe essere proprio per conoscere Mauro il custode. Mauro “Robinson” Morandi infatti è il vero  signore dell’isola di Budelli e da 23 anni vive in questo piccolo paradiso della Sardegna. E’ proprio lui che ci accoglie appena mettiamo piede e zampa sull’isola  e subito si raccomanda che “al Tommi”, vedendo quanto e come corre, non gli salti in mente di farsi un giretto sulla sabbia soffice e incontaminata della mitica spiaggia rosa, e non si esprima nella nobile arte del “making chocolat cakes”… si, si, proprio quella roba lì… Ma così non è, un fischio e torna: bravo il mio cane. 

2)La spiaggia rosa: è situata a Sud-Est dell’isola di Budelli compresa nell’Arcipelago della Maddalena. Deve il suo nome al caratteristico colore rosa corallino della sabbia della battigia, causato dalla presenza di gusci calcarei di Miniacina miniacea. Per far sì che la spiaggia mantenga queste caratteristiche uniche Mauro ci spiega che deve vietare assolutamente agli abusivi che tentano di raggiungere la caletta di fare il bagno e di portarsi via il souvenir della spiaggia rosa, una consuetudine che mette a repentaglio l’integrità dell’isola.

3) Un altro motivo per andare a Budelli è che qui si fanno sempre degli incontri interessanti … Durante luglio e agosto l’isoletta non è solo la meta del turista in gommone che vuole vedere la spiaggia rosa e magari vuole fare il bagno anche se  c’è tanto di divieto!(nemmeno Mauro può tuffarsi. E pensare che la sua casa, si trova a trenta metri dalla battigia,è il supplizio di Tantalo!) ma qui ci passano anche tantissimi VIP: calciatori,attori,politici, musicisti e si fermano a pranzo o a cena oppure solamente per fare 4 chiacchere con il custode.

4)Il quarto motivo per visitare è Budelli è Budelli stessa che in realtà si trova in Polinesia anzi no in Italia, anzi in Polinesia! E si perché dovete sapere che quando Mauro 23 anni fa partì con il suo catamarano voleva raggiungere la Polinesia. Nella valigia pochi vestiti e molti sogni. In Polinesia, pensò, gli abiti non mi servono. Mauro Morandi  nei mari del Sud non arrivò mai, non fu necessario. L’uomo in fuga trovò la sua Polinesia e il suo Paradiso  qui,sull’isola di Budelli, arcipelago della Maddalena, Sardegna.

200670_10150976190830047_898984386_n

Ma come tutte le belle cose anche questa finisce e dopo 10 giorni torniamo a casina. Io e il Tommi siamo stati dei privilegiati e proprio per non farci mancare nulla per il nostro ritorno troviamo un passaggio a bordo di Merkabà (nella foto con il capitano …), bellissima barca a vela, che ci porta direttamente a Palau. Mentre siamo in navigazione vediamo Budelli che si allontana e vorremmo scattare le ultime foto ma sappiamo che certe cose non si possono catturare e portare via, tali bellezze vanno lasciate lì così come sono, consapevoli però che rimarranno indelebili nella nostra memoria.