[MARIANNA TUTTA PANNA] Sesso Orale Per Lei

carosello marianna.001 (1)di Marianna Malacaria

Avevo bisogno di una vacanza meditativa. Lontano, possibilmente al mare. Così sono volata a Dublino. Ma l’eco di questa rubrica mi perseguita anche tra gli amici d’oltremanica, dove in un pub qualsiasi di Temple Bar ho incontrato lui: il genio! L’amico “Frizz” di Castellanza che pare avesse letto la mia rubrica (ho dei testimoni!). Così, tra una pinta di Guinness e l’altra, ho cercato di studiare il mio nemico. Qui, l’illuminazione: alla mia domanda “Secondo te perché le donne praticano più sesso orale degli uomini?”, mi ha risposto: “Ma perché voi donne non ce lo chiedete mai!”. Immaginate la mia faccia. Un crampo improvviso alla mascella più retroversione degli occhi. Ragazze, non abbiamo davvero capito un Brando. Era così facile, bastava chiederlo! Loro sono espertissimi! Non vedono l’ora.

dublin

Davvero?

Solitamente va così: si esordisce con l’incantesimo del lago e si finisce come il Titanic. Per intenderci: l’esordio ci piace, d’altronde senza lago l’incantesimo non c’è, ma è dopo un po’ che la situazione vi sfugge di mano, ehm, di bocca!  Su 30 donne a cui ho chiesto, 28, e dico 28, sono sempre affondate come il povero Jack Dawson prima dell’Aurora. Male! Malissimo! Queste donne non hanno mai avuto il coraggio di confessare che in realtà fingono di stare bene nell’acqua ghiacciata e preferiscono passare al sodo sul più bello per evitare d’affondare.

dublino 2 marianna

Questa immagine dimostrativa vi indica chiaramente cosa non va fatto. Un ringraziamento al barista di Dublino che si è cortesemente prestato. Allo scatto.

 

1 – Questo è l’unico momento del rapporto in cui la donna a “Lo Squalo” preferisce “La Piovra”. Non “ravanate” a caso! La lingua non va ovunque e soprattutto non freneticamente. Su e giù è ok! Destra e sinistra non serve a una fava!

2 – Fate sentire anche le labbra. Rispolverate i cari vecchi 16 anni e applicatevi come quando d’estate ci costringevate a mettere la sciarpa. Dovete unire la potenza di un Suv all’eleganza di una Bentley. Ferrari e trattori no, grazie.

3 –  Il Punto G della donna è soprattutto nel cervello. Ma non è di uno shampoo che abbiamo bisogno. Semplicemente capiamo se quello che state facendo vi piace. Guardateci in faccia mentre vi applicate spontaneamente, con convinzione e senza pensare all’obiettivo di GTA.

4 – Questo è il momento in cui è lecito mangiare la vostra donna. Altrimenti sarà lei un’ora dopo a mangiarsi la dispensa per disperazione. Invece di comprare completini e autoreggenti, comprerà patatine (quelle inglesi straporche) e cioccolata (Milka, quella con più grassi saturi).

5 – Graditissima la supercombo bocca-dita. Ma questo non è Fruit Ninja!  Le dita non si muovono come vedete su YouPorn: a 2000 e senza sosta fino alla “Tempesta perfetta”; qui siamo nella vita vera, e noi le dita le (LE) vogliamo dentro e in profondità.

6 – Se sentite urlare molto spesso o è per farvi contenti o è perché state esagerando. Quando la donna gode, gode in silenzio. Pensate a Grosso nei mondiali 2006, l’urlo viene solo dopo il goal!

7 – Se cominciano a tremare le gambe e il bacino ad andare su e giù, non stiamo venendo! E’ una situazione limite. Dove si è lì lì! Pensate a quando vi trattenete per durare di più. Ecco è la stessa cosa, una meravigliosa tortura? No, imminente tragedia! La calma è la virtù dei forti.

8 – A proposito di “Tempesta perfetta”… Quanti di voi ci hanno provato? In quanti ce lo avete chiesto? La verità è che si – può – faaaaare!! Ma come? La spiegazione tecnica l’avrete letta mille volte e a poco serve. Unica regola: fate rilassare completamente la vostra donna. Di li il passo dal lago di Como alle Cascate della Marmora è breve.

9 – E’ acido? Non soddisfa il vostro palato? Beh, il vostro non è certo succo d’ananas!

10 – Ricordatevi: su quella Brando di porta di legno nell’Oceano Atlantico ci si stava benissimo in due, Cazzo!