A SETTEMBRE SI RICOMINCIA COL BOTTO

1185256_10151542527731601_585741708_ndi Desirée Ferrari

Quando agosto e le ferie finiscono l’unico palliativo in grado di allietare il ritorno a Milano è il fatto che settembre è risaputo essere uno dei mesi migliori per la musica, la notte e la vita culturale all’ombra della Madonnina. Sarà forse che si vuole tornare e fare il botto subito, sarà che ci si vuole assaporare fino in fondo le ultime note d’estate ma così è.

Questo primo weekend dà il via a una serie di venerdì e sabato mooolto caldi, basti pensare ai 10 giorni di Milano Film Festival, iniziato proprio ieri, l’Ouverture Festival di Elita, di cui vi parlerò la prossima settimana, e le aperture di tutti i club della città.

Per questo venerdì l’appuntamento è uno solo: Circolo Magnolia.

702032_10201178957248371_176940896_n

Dato che il circolo Magnolia ci piace, anche le zanzare sono migliori al Magnolia, quindi non ci si può perdere la penultima serata dell’estivo che vedrà alternarsi sul palco nientepopodimeno di Motel Connection, seguiti dai resident del Tunnel , Uabos e gli Electricalz e per finire il canadese più famoso dell’electro mondiale TIGA.

 

Uabos non ci è nuovo per nulla, anzi direi che ormai è diventata una certezza nel panorama della musica elettronica milanese, resident di Le Cannibale presso il Tunnel Club, quest’anno lo potete trovare in console ogni sabato, intanto ascoltatevi questa bellissima traccia che anticipa l’ep Dial L in uscita ai primi di ottobre su Gold Nite Records.

 

Tiga non ha bisogno di presentazioni. Quante mattine vi siete svegliati con in testa il ritornello  “I know, you gonna want me…” e vi siete ricordati della sera prima o meglio avete cercato di ricordare? Quindi in nome dei bei vecchi tempi sgranchite le gambe a dovere e preparatevi per stasera con questa bomba, hit dell’estate 2013

 

E poi se sabato avrete proprio, proprio ancora voglia di ballare non mi resta che consigliarvi di andare a sentire uno dei signori della Techno che suona all’Amnesia: Carl Craig.

Seguitelo in questa Boiler Room e provate a capire un po’ se fa al caso vostro