TRE CANZONI DA SUONARE ALLE FESTE

donegana-150x150di Lorenzo Donegana

Abbassa le luci, chiudi gli occhi, fa un respiro profondo e rilassati. Immagina di essere a una festa dove c’è anche quella che è un mese che non ci dormi e che, ovviamente, non sa nemmeno che esisti. Ora sei nervoso e non sai cosa fare: non hai ancora bevuto abbastanza per andare da lei e ripeti a tutti le tue battute migliori sperando che si accorga di te. Capisci che stai perdendo tempo. Ma ecco che – come per magia – appare una chitarra e tu sei l’unico che la sa suonare. Hai passato l’adolescenza per prepararti a questo momento e ora è il tuo turno, la tua occasione: lei sarà TUA.
ILLUSO. Ci sarà sempre uno più bello, più interessante o più rapper di te che ti farà andare a casa con tanta amarezza che la conseguente sbronza servirà solo a peggiorare: IL CHITARRISTA PERDE SEMPRE. Se nonostante questo sei ancora convinto e vuoi lanciarti, provaci con una di queste canzoni: 3 generi diversi a seconda delle occasioni e tutte di gruppi che in America riempiono i palazzetti e che qui non conosce nessuno (perché tanto abbiamo X-Factor): potresti addirittura dire di averle scritte tu…

 

Panic! At the disco – I write sins not tragedies

DECADENTE. Giovani e talentuosi (e lo sanno) scrivono canzoni come questa con la semplicità che manco Elton John ai tempi d’oro. Tutto il disco è di altissimo livello e scelgo questa solo perché ha il titolo più fico (e ha solo 47 mln di plays, una sciocchezza).

 

Third Eye Blind – Semi-charmed kind of life

ALLEGRA. I 3EB scrivono canzoni POP che ti restano subito in mente. Purtroppo il livello è alterno e quindi suggerisco la raccolta che condensa bene i momenti migliori (che non sono pochi) e non solo i successi.

 

Shinedown – 45

POTENTE. Power ballad contemporanea, è un crescendo di chiari / scuri e non perde grinta nemmeno nella versione acustica che trovate qui insieme all’originale. Coinvolge anche il pubblico più freddo.

 

…e se le canzoni non fossero sufficienti ecco anche 3 semplici consigli pratici per una migliore esibizione:

  1. NON ACCORDARE LA CHITARRA. La gente vuole una canzone e non il clavicembalo ben temperato: il tuo momento potrebbe finire ancora prima di cominciare
  2. NON SUONARE BENE. Suoni scale così veloci che non si vedono le mani e arpeggi che manco i King Crimson? Bravo, ma non gliene frega niente a nessuno e qui bastano gli accordi
  3. SOLO UNA CANZONE. La prima si ascolta per voglia, la seconda per cortesia, la terza non la finirai mai. Lascia il palco mentre sei ancora una star e riscuoti subito il successo.